Totoconsiglia: The Bold Type

0

In un’estate televisiva sempre più impegnativa, poche serie riescono a scavarsi un posticino speciale nel mio cuore. E dopo la fine di True Blood ed altre perle trash estive, non poteva mancare una nuova occupazione nei mesi più caldi per distrarmi dalla pesantezza emotiva e (artistica) di Twin Peaks e Game of Thrones.

E voi direte: A Luì, ma che stai a di’?

Ho iniziato The Bold Type come inizio qualsiasi serie di Freeform: con zero aspettative e la consapevolezza che al massimo, guardandole, mi sentirò meglio riguardo me stesso. Eppure ne sono rimasto incredibilmente sorpreso. Da un network che una volta si chiamava Abc Family, e che forse ha perso il “family” proprio per proporre serie come questa, non mi aspettavo un prodotto simile.

Fresco, scritto bene, attuale, che intrattiene, femminista, con una buona rappresentazione della bisessualità e in generale delle tematiche LGBT, libero, provocatorio e interessante.

Jane (Katie Stevens), Kat (Aisha Dee) e Sutton (Meghann Fahy) sono tre amiche che lavorano nella redazione di Scarlet, un magazine stile Cosmopolitan (e infatti lo show è proprio ispirato dalla vita di Joanna Coles, ex editor in chief del magazine). Le tre, con impieghi diversi (una è una scrittrice, una si occupa dell’aspetto social del magazine e un’altra è un’assistenze con aspirazioni nel campo della moda), cercano di supportarsi a vicenda nella giungla che è il loro campo… e anche nella vita sentimentale e personale.

La serie è molto sfrontata per essere un prodotto di Freeform, vi basti pensare che un episodio si focalizza sul fatto che Jane, una delle protagoniste, non abbia mai avuto un orgasmo. Un altra storyline riguarda Kat che esplora la sua sessualità con una ragazza musulmana e lo show condisce il tutto con temi attuali, con ship molto carine (Jane e Ryan OTP) e anche con… la politica. Se siete appassionati di giornalismo ai tempi dei social, inoltre (ed è un po’ il mio campo), la serie fa davvero per voi.

Il punto della forza dello show, comunque, resta il legame tra le tre protagoniste, pronte ad aiutarsi e ad esserci in qualsiasi situazione, che sia professionale o sentimentale. The Bold Type è un po’ Younger e un po’ Pretty Little Liars, è un po’ Sex and the City e un po’ Jane By Design. Si tratta di un prodotto a cui all’apparenza non daresti molto, ma che ti sorprende in ogni singolo aspetto.

 

 

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Shares