Spellbook 6×10 Last Night on Earth

0

PREVIOUSLY ON SPELLBOOK

6×10 Last Night on Earth

Hendius trascina violentemente Charlotte nel salone principale della magione. Ben Junior fa fatica a tenere il passo.
Junior: così le fai male.
Junior, preoccupato comunque per la salute della ragazza, tenta di arrivare ad Hendius.
Il mago oscuro lancia la ragazza a terra con forza sovrumana. Charlotte sbatte contro la scalinata principale.
Hendius: non c’è più tempo per essere gentili.
La voce di Hendius è notevolmente cambiata, più profonda, con una tonalità più oscura.

Eric – il presunto figlio di Matthew – arriva sulla scena.
Eric: l’hai presa.
Eric guarda Junior
Charlotte nota un corpo senza vita alla base delle scale. Sembra quello di Benjamin, ma non lo è. È il gemello, Sean. È morto.
Charlotte: oh mio Dio…
La ragazza, sotto shock, tenta di rimanere con i nervi saldi.
Charlotte: l’hai ucciso.
Hendius: sì. Piccola Charlotte. Dovevo… per preservare Benjamin.
Hendius ridacchia istericamente. Sembra chiaro che la tranquillità e l’enigmaticità che erano caratteristiche del mago, siano andate a scemare.
Charlotte: e tu stai permettendo tutto questo?!
Charlotte guarda Junior.
Charlotte: come hai potuto?
Hendius: l’ho cresciuto. Gli ho insegnato tutto quello che sa. Credevate davvero che un po’ di tenero amore l’avrebbe cambiato?
Junior guarda Charlotte, è chiaramente combattuto.
Charlotte: e tu?
Charlotte si riferisce ad Eric
Eric: volevo conoscere mio padre. Ed Hendius mi ha aiutato.
Hendius: già, a proposito di questo.
Hendius guarda Eric
Hendius: lui non è tuo padre. Matthew non è il tuo paparino.
Eric guarda Hendius, scioccato.
Eric: cosa?!
Charlotte: ma che novità. Un’altra bugia.
Hendius: STAI ZITTA!
Hendius alza la voce in maniera violenta.
Eric: perché?
Hendius: avevo bisogno di un angelo. E siete particolarmente tosti da reperire e da convincere a passare a quello che gli altri chiamano male. In più, mi hai permesso di seminare in Matthew il seme della discordia. Questo piano… ha richiesto anni. Viaggi nel tempo. Portali, manipolazioni. Non è stata una cosa semplice. Dovevo assicurarmi di avere tutte le pedine.
Charlotte: Junior… per favore.
Hendius: HO DETTO, STAI ZITTA!
Charlotte: loro ti vogliono bene. Ti perdoneranno.
Junior guarda la ragazza, è chiaro che negli occhi del ragazzo ci sia rammarico.
Junior: no, non lo faranno.
Charlotte: sì. Rose, Ben… ti amano.
Hendius si avvicina verso Junior, mettendogli una mano sulla spalla.
Hendius: Junior, non ascoltare. Non sa quello che dice. Sai qual è il tuo posto.
Hendius legge titubanza negli occhi del ragazzo. E allora lo fa: gli spezza il collo. Hendius uccide Junior. Il corpo senza vita del ragazzo cade a terra. Charlotte riempe il salone della magione con un urlo di terrore.

Twinswood, centro.

Ardens è solo al centro di un cerchio. Luke, Rose, Benjamin, Jack, Alice e Matthew l’hanno circondato.

Ardens: ma che carini.
Rose: ti piace?
Rose non ha paura di Ardens, non più.
Ardens: siete ridicoli.
Benjamin: davvero?
Ardens guarda Benjamin
Ardens: che cosa pensate di fare?
Rose: ucciderti.
Ardens guarda Rose. Per la prima volta leggiamo nel mago un’espressione diversa.
Ardens: vivo da millenni. In qualsiasi forma…
Rose: sì, ed è ora di andarsene. Non credi?
Matthew: sei scaduto da un po’, amico mio.
Ardens pone una mano verso Matthew, scaraventandolo con un incantesimo verso una macchina. Alice corre verso di lui.
Matthew: faccio troppe battute nei momenti sbagliati.

Luke avanza, ha l’anello al dito, questo vuol dire che può usare i suoi poteri. Scaraventa il mago oscuro a terra. Ma Ardens è potente, si rialza velocemente.

Tocca a Rose.
Rose: sonoris.
Una grossa onda sonora attraversa Ardens, stordendolo.
Benjamin: terra, ascolta, plasma la forma.
Benjamin riesce a manipolare i mattoncini della strada, lanciandoli contro Ardens. Il mago oscuro cerca di evitarli, facendoli diventare polvere.
Ardens: tutto qui?

“No”

La voce di Matthew distrae il mago. Matthew lo tira su in volo, lasciandolo poi cadere da un’altezza preoccupante.

Ardens cade a terra. Sia Luke che Rose che Benjamin iniziano a ferirlo con degli incantesimi. I suoi vestiti si strappano per le ferite.

Il mago è a terra. Benjamin avanza.
Ma Ardens ride, ancora.
Ardens: nipote.
Benjamin: mi dispiace, Ardens.
Ardens: ti dispiace?
Benjamin: l’oscurità è entrata nella nostra famiglia per colpa di un pazzo che ha manipolato te, mio padre e perfino me.
Ardens guarda il ragazzo.
Ardens: vuoi redimermi?
Benjamin lo guarda negli occhi.
Benjamin: no.
Benjamin pone una mano sul petto di Ardens e pronuncia le parole.
Benjamin: memento mori.
Un grosso fascio di luce rossa pervade il corpo del mago oscuro, uccidendolo definitivamente. Ardens è morto.

Magione di Hendius, Non Lontano da Twinswood

È come perdere un battito per Hendius. Come se qualcosa di lui si spezzasse. Lo sente. Ardens è morto. Gli manca il respiro. Un pezzo della sua energia se ne va.

Eric: che succede?
Charlotte, nel frattempo, è in lacrime per Junior. Non riesce a capacitarsene.
Hendius: l’hanno ucciso.
Hendius farfuglia, non riesce a concentrarsi.
Hendius: dov’è Ardens?
Hendius si avvicina a Charlotte, violentemente.
Hendius: DOV’E’ ARDENS?!
Charlotte: io non… non…

Hendius si avvicina così violentemente che Charlote è costretta a mettere le mani avanti. Quando le mani della ragazza toccano il mago, succede qualcosa di strano: la pelle di Hendius inizia a bruciare.
Charlotte guarda le sua mani, incredula.
Hendius: ma cosa?!
E Charlotte lo fa ancora.
È il momento, il momento di andarsene. Charlotte si alza velocemente, mentre Hendius è ferito a terra dalle bruciature.
Eric è alla porta. Guarda la ragazza.
Eric: scappa.
Charlotte non ha tempo per capire. Ma lo fa: scappa, corre più veloce che può.

Castello DeLuc, Salone Principale

Rose, Benjamin, Jack, Alice e Matthew tornano. Bright, Evan e Tatia sono seduti sul divano.

Tatia: allora?!
Luke: l’abbiamo ucciso.
Tatia sorride, andando verso Luke. I due si abbracciano.
Alice: vieni con me, dobbiamo fasciarti la ferita.
Alice prende Matthew, portandolo al piano superiore. La cosa preoccupa Benjamin e Rose, che si guardano. Ma non c’è tempo di discuterne ora.

Tatia: abbiamo un problema.
Rose: che tipo di problema?
Tatia: le telecamere di servizio del castello…
Rose: avete delle telecamere di servizio?
Luke: sì, le ho istallate un po’ di tempo fa. Con tutta la gente che sparisce o viene rapita.
Tatia: il che mi porta a questo. Hanno registrato Junior che prendeva Charlotte, proprio qui fuori.
Jack avanza, sconvolto.
Jack: cosa?!
Tatia: ho provato a fare un incantesimo di locazione ma non ho niente di lei. Possiamo provare ad andare da qualche sua amica o…
Jack, sconvolto, non riesce a calmarsi.
Rose: perché Junior l’avrebbe presa?
Jack: lavora con Hendius.
Rose: no, no, non è possibile…
Benjamin: Rose…
Rose guarda Benjamin, preoccupata.

Dyal entra dalla porta principale.

Tatia: e tu da dove esci fuori?
Rose: abbiamo…
Dyal: lo so. Complimenti.
Rose sorride.
Dyal: devo parlare con Bright ed Alice.
Rose: riguardo cosa?
Bright si alza.
Evan: perché ti sei alzato?
Bright: non lo so, è come se… sentissi che fosse la cosa giusta da fare. Perché l’ha detto lui.
Evan: chi sei tu?
Dyal: non c’è molto tempo per fare un riassunto efficace…
Rose: lui è… la rappresentazione di una materia positiva. Una materia positiva che sta cercando di aiutarci contro una materia negativa.
Tatia: una cosa stile Stephen King? Sei tipo la tartaruga?
Dyal: è un po’ più complicato di così.
Rose: Bright, possiamo fidarci.
Bright: ok.
Bright raggiunge Dyal.

Camera degli ospiti, Castello DeLuc

Alice ha preso il kit di pronto soccorso. Matthew si toglie la maglia e si mette sul letto. La ragazza lo raggiunge.
Matthew: pensa se in questo momento entrassero Benjamin e Rose.
Alice lo guarda in malo modo
Matthew: a Benjamin verrebbe un colpo. Ci resterebbe secco.
Alice: finiscila.
Alice applica il disinfettante sulla ferita di Matt, accanto al fianco.
Matthew: fa male non essere un vampiro.
Alice: immagino. Io… non ti ho mai visto così. Vulnerabile e…
Matthew la guarda.
Matthew: vulnerabile?
Alice: voglio dire… in senso buono. Respiri. Ti batte il cuore.
Matthew la guarda.


Matthew: sei bellissima.
Alice sospira, nervosa.
Alice: grazie.
Matthew le prende la mano. La stessa che era sul suo fianco.
Matthew: voglio dire… davvero bella.
Alice, nervosa, toglie la mano.
Matthew: ora che tutti sanno tutto… potremmo…
Alice: cosa?
Matthew: voglio dire, non sei curiosa di sapere come sarebbe?

Alice: no.

Matthew: non ti piaccio qui? Ho… un viso diverso, un carattere diverso?

Alice: perché mi stai facendo questo?
Matthew la guarda. Non sa rispondere neanche lui al momento.

La porta si apre, palesando Tatia.

Tatia: hey…
Matthew: hey.
Tatia: il nuovo capo di Rose, Dyal, ti sta cercando. È insieme a Bright in corridoio.
Alice: sta cercando me?
Tatia annuisce
Alice: ok…
Alice si alza, procedendo verso l’uscita.

Tatia si avvicina verso Matthew, sedendosi sul letto. Matt le fissa il pancione.

Tatia: finiscila.

Matthew: scusa.

Tatia: posso farti una domanda?

Matthew: certo.

Tatia lo guarda, sorridendo.
Tatia: Sabrina ha scelto mio fratello. Wow, è stato uno shock per… nessuno. Ma… sei così tranquillo. Voglio dire, Luke ha quasi distrutto il mondo l’ultima volta.
Matthew guarda la ragazza.
Matthew: perché dovrei essere arrabbiato?
Tatia: deluso, col cuore a pezzi.
Matthew: l’ho amata. Ha fatto male. Ma… è come se l’avessi accettato da un po’. Prima che lei scegliesse Ben. E non credo ci sia tempo per rancori… o cose del genere.
Tatia: non mi aspettavo questo atteggiamento zen da te.
Matthew: scherzi? Sono il Re di questo cose.
Tatia: ma noi siamo onesti. Io e te. Voglio dire, forse siamo i più onesti di questo gruppo di moralisti. Quindi… tesoro, mi vuoi dire che cosa sta succedo tra te e mia nipote?

Matthew: quanto tempo hai?

Tatia sorride.

Castello DeLuc, Salone Principale

Jack fa avanti e indietro, nervoso.
Rose: Jack…
Jack: ho lasciato che la prendesse, è colpa mia. Mi sono fatto distrarre.
Benjamin: devi calmarti.
Jack: NO, NO… dovevo proteggerla.

Il campanello del castello suona.
Benjamin: vado ad aprire.

Rose: Jack…
Jack: questo era il suo piano. Ed è colpa mia…

Benjamin: Jack…
Charlotte è accanto a Benjamin. Jack la guarda, sconvolto. Corre verso di lei, abbracciandola. Non gli importa che gli altri vedano tutto. Lo fa e basta. I due si scambiano un tenero e lungo abbraccio.

Rose sorride, guardando la scena.

Corridoio del primo piano del Castello DeLuc

Alice: chi sei tu?
Dyal guarda Alice e Bright, Evan è lì. Deve stare con suo marito.
Dyal: è la domanda più gettonata del momento.
Alice: già.
Evan: tu sei il bene.
Dyal: di nuovo… è un concetto molto più complicato di…
Evan: non me ne frega niente del concetto. Mio figlio… Andy. Tu puoi fare qualcosa per lui?
Dyal guarda Evan e poi Bright.
Dyal: mi dispiace.
Evan ridacchia
Evan: noi non faremo niente per te.
Bright guarda Evan
Dyal: non lo state facendo per me. Lo farete per i vostri amici.
Alice: di che cosa si tratta?
Dyal: dovrai creare un portale temporale.
Alice: no… non di nuovo, ti prego.
Dyal: sarà l’ultimo che sarai in grado di creare. Te lo prometto.
Alice lo guarda, liberarsi di quel potere le dà un sacco di sollievo.
Bright: io che cosa c’entro?
Dyal: stai per andare indietro nel tempo. Nel 2013. Il posto è una stazione di servizio.
Bright guarda Evan, confuso
Evan: non dovrebbe indossare qualcosa di speciale. Attraversare i portali fa male.
Evan, che portò il bambino Bright una volta che il libro si trasformò, lo sa bene.
Dyal: sì. Ma ci penseremo.
Bright: che cosa devo fare?
Dyal: incontrerai Rose. Lei non ha idea di chi tu sia in quel momento.
Bright non riesce a capire. Ma è come se sapesse che Dyal è dalla parte giusta. In qualche modo Dyal riesce a governare l’angelo.
Dyal: dovrai dirle esattamente le parole che ti dirò.

Bakersville Memorial Hospital

Oliver apre gli occhi. Finalmente. Davanti a lui Emma, Marthie, Maddie, Lily, Veronica e Riley.

Riley: ha funzionato.
Oliver si sente spaesato. Non riesce a capire dove si trova. Guarda Emma.
Oliver: sono morto?
Emma sorride
Emma: no, ti sei appena svegliato. Sei all’ospedale di Bakersville.
Oliver non riesce a capire. La testa è ancora pesante.
Oliver: tu…
Emma: sì, sono viva.
Oliver: che cosa è successo? Dove sono tutti?
Veronica: forse… dovremmo lasciarvi soli.
Le streghe di Bakersville si guardano.
Oliver: Emma… dov’è Andy?
Emma guarda Oliver. Non sa davvero come spiegarglielo.

Castello DeLuc, Salone Principale

Jack, Charlotte, Benjamin e Rose sono seduti sui divanni del salone principale. Charlotte ha appena raccontato tutto. Anche della morte di Junior.

Rose è sconvolta. Non sa perché, in fondo l’ha conosciuto poco. In fondo non l’ha mai partorito. Ma… è un duro colpo. Anche per Benjamin.

Jack l’ha presa male. Parecchio. Non aveva il migliore dei rapporti con Junior, ma era pur sempre suo fratello.

Rose: non… non so che cosa dire.
Benjamin: io lo so. Deve finire. Quell’uomo… ci ha tolto tutto. Per una sua stupida vendetta personale. Ha portato l’oscurità nella mia famiglia, ha avvelenato mio nonno, mio padre, me… Jack.
Jack guarda il padre.
Benjamin: e Junior.
Charlotte: è… fuori di testa.
Rose: hai detto che l’hai ferito.
Charlotte: sì. Con le mani. Non so come…
Jack prende le mani di Charlotte, le stringe. I due si guardano. La ragazza ancora trema.
Un messaggio arriva sul cellulare di Jack.
Jack: è Emma. Oliver si è svegliato.

Rose e Benjamin tirano un sospiro di sollievo. Così come Jack.

Benjamin: almeno una buona notizia.
Rose: devo fare un incantesimo.
Benjamin la guarda, curioso
Benjamin: per cosa?
Rose: devo parlare con una persona.
Benjamin segue Rose.

Colonna Sonora: Run to You

Jack e Charlotte restano soli.

Jack: mi dispiace, avrei dovuto… fare più attenzione.
Charlotte: non è colpa tua.
Jack: invece sì. Ha portato Emma per distrarmi e… c’è riuscito.
Charlotte abbassa lo sguardo
Jack: non… non lascerò mai più che ti faccia del male.
Charlotte lo guarda, di nuovo.
Jack: mi dispiace.
Charlotte: l’hai già detto.
Charlotte accarezza il viso del ragazzo. Jack accarezza la mano di Charlotte sul suo viso. È un momento molto intenso. I due si sono innamorati. Lui lo sa. Lei lo sa. Dovrebbero semplicemente dirselo.

Casa di Matthew, Twinswood

Colonna Sonora: Stand By Me

Matthew è stato distratto dal suono del campanello. Spera che non sia qualcun altro che voglia rapirlo. Per fortuna non è così, si tratta di Alice.

Matthew: che cosa ci fai qui?
Alice entra. Matthew chiude la porte.
Alice: stavo pensando.
Matthew: pensavo fossi con la Scooby Gang a fare magie.
Alice: già, e perché tu sei qui?
Matthew: se il mondo sta davvero per finire… volevo recuperare un po’ di serie su Netflix che ho perso a causa di… rapimenti, battaglie con cattivoni e tutto il resto. È difficile restare in pari con le serie tv a Twinswood.
Alice: quello che hai detto prima.
Matthew: sì.
I due si guardano.
Alice: facevi sul serio?
Matthew si avvicina alla ragazza.
Matthew: certo.
I due si sorridono, imbarazzanti. Entrambi.
Matthew: vuoi fare l’amore?
Alice lo guarda
Alice: sì.
Matthew: bene.
Matthew si avvicina teneramente alla ragazza. I due si scambiano un primo timido bacio.
Matthew si sente quasi impreparato, ed è strano per lui. Alice lo aiuta a togliersi la maglia.
Matthew: posso?
Matthew chiede il permesso per aiutare lei.
Alice: certo.
Matthew risulta quasi intimidito, come se avesse paura di toccarla, di farle del male. Ma la passione prende il controllo e cerca di lasciarsi andare.
Matthew: posso?
Matthew continua a ripeterlo.
Alice lo guarda
Alice: Matt… l’abbiamo già fatto. Parecchie volte.
Matthew sorride
Matthew: ma questa è la mia prima volta con te.
Alice: sì.
I due, più sereni, si lasciano andare definitivamente. Ed è una nuova prima volta per loro. La più bella.

– Giardini del Castello DeLuc, sera.

“Devo dire di essere sorpreso.”

Dracula, che è stato chiamato da Rose, si siede su una delle panchine del giardino. Rose e Benjamin sono davanti a lui, vogliono risposte.

Dracula: non mi aspettavo che cedessi.
Rose: tu non sai un bel niente. Non ho ceduto.
Dracula: stai chiedendo il mio aiuto.
Benjamin: basta con le battutine.
Dracula: oh oh. Il fidanzatino morde.
Rose: vuoi fermare Hendius. E… sei sotto incantesimo della verità quindi…
Dracula: cosa?
Rose: mi dispiace. L’ho provato ed è terribile.
Dracula: non sei leale.
Rose: bisogna giocare sporco con quelli come te.
Benjamin sorride, divertito.
Rose: vuoi davvero fermare Hendius?
Dracula: sì.
Rose: che informazioni puoi darci che non abbiamo?
Dracula: uccidere Ardens è stato un bel colpo. Ma lui ha ancora una batteria completamente carica. Anzi, due.
Dracula guarda Benjamin
Dracula: e il tuo figlioletto redento.
Rose: Jack?
Dracula: quell’oscurità… l’oscurità che ha sempre colpito la famiglia Whittermore, è opera di Hendius. Lui l’ha divisa nei membri della sua famiglia più propensi. Ardens, Alec…
Benjamin: me.
Dracula: e Jack. Ecco perché siete tendenti al male.
Benjamin l’aveva capito.
Dracula: Hendius è un mago molto potente. Ed ha ancora due importanti risorse in vita.
Rose: mi stai chiedendo…
Dracula: di uccidere il tuo amato e tuo figlio? No, non te lo chiederei mai. Ma hey… sarebbe un bel vantaggio.
Benjamin guarda Rose.

Casa di Matthew

Matthew e Alice sono riusciti a raggiungere la stanza a fatica. Ma ci sono riusciti. Nel pieno della notte, dopo essersi appartenuti, si tengono stretti.

Alice: posso farti una domanda?
Matthew: certo.
Alice: che cosa… ti aveva offerto Hendius?
Matthew, finalmente, si sente pronto a dirlo.
Matthew: di lasciarmi andare… insieme a te. Ad Handar. Mentre questo mondo sparisce.
Alice lo guarda, tenendo una mano sul suo petto.
Alice: non capisco.
Matthew: probabilmente non ti vuole qui… durante lo scontro finale. Ad ogni modo… sappiamo entrambi che non acceteremo, quindi…
Alice poggia la testa sul petto di Matthew, sorridendo.
Matthew: cosa?
Alice: sento il tuo cuore.
Matthew: è strano?
Alice: è davvero una prima volta.

Casa Wilson, stanza di Rose

Colonna Sonora: Ordinary World

Benjamin e Rose sono sul letto, abbracciati. Benjamin sente la preoccupazione della ragazza. La percepisce.
Benjamin: che succede?
Rose, sospirando, risponde.
Rose: Ben, dobbiamo essere realisti. Abbiamo una possibilità di perdere contro Hendius, una grossa possibilità. E… non voglio perdere. Non posso perdere, perché voglio che le persone che amo siano al sicuro. Ma allo stesso tempo… la cosa che più mi terrorizza… è sapere di non poter… scegliere medicina o… letteratura o andare con te in vacanza da qualche parte, farci una passeggiata al mare… sposarci, un giorno. Lo so, è pazzia ma…
Benjamin: non è una pazzia. Io ti sposerei ora.
Rose si alza, appoggiandosi alla spalliera.
Rose: davvero?
Benjamin: certo.
Benjamin sorride.
Benjamin: stavo pensando a quello che ha detto Dracula…
Rose: già, totalmente inutile.
Benjamin la guarda.
Benjamin: Rose.
Rose: non voglio sentire niente.
Benjamin: Rose.
Rose: NO.
Rose si arrabbia.
Rose: non… non lascerò che qualcuno ti faccia del male. Non lacerò che ti succeda qualcosa. Né a te né a Jack.
Benjamin: non parlo di Jack… parlo di me. Potremmo… non so, ci sono incantesimi che ti tolgono la vita per un po’ e…
Rose si alza, inorridita
Rose: sono pericolosi. E spesso non funzionano. Credi che non abbia letto il mio libro?
Benjamin si alza, andando verso di lei.
Benjamin: voglio darti una chance di vincere.
Rose: non a costo della tua vita. Non lo farai, lo capisci? TU non lo farai, perché se lo fai, Ben. Io non ti perdonerò, io non te lo perdonerò mai, LO CAPISCI? Non lo… non lo…
Rose inizia a tremare. A piangere.
Benjamin: hey, hey…
Benjamin la prende, stringendola a sé.

I due all’improvviso lo sentono. L’arrivo di Hendius. I suoi primi passi sul suolo di Twinswood.

Così come lo sentono tutte le altre creature sovrannaturali della città. Lui è arrivato.

“Cittadini di Twinswood…”

E la sua voce si sparge per tutta la città… con uno speciale incantesimo.

Tutti ascoltano. Rose e Ben, Matthew e Alice, Luke e Tatia, Bright ed Evan, Jack e Charlotte, i lupi alla riserva, i tritoni e le sirene nel lago, i vampiri, tutti.

“Non ho intenzione di farvi del male. Non se mi aiuterete.”

Hendius, con un lungo vestito nero e con la faccia coperta dalle bruciature di Charlotte, inizia a staccarsi pezzi di pelle e a gettarli a terra. Dietro di lui, il suo esercito di maghi oscuri. Dracula. Eric. E tutti gli altri. Cryon e la Principessa Alisia in catene.

“Unitevi a me e noi balleremo sulle macerie di questo mondo.”

Rose continua ad ascoltare.

“E’ ora di riprendersi tutto. Di liberare questo posto dalla piaga dell’umanità, iniziando da QUI. Dalla nostra casa.”

Rose e Benjamin si guardano.
“Portatemi Rose Wilson. E vi lascerò vivere.”

Rose si stringe a Benjamin.
Rose: è ora.

Fine episodio.

NON PERDETE L’ULTIMO EPISODIO DI SPELLBOOK. IL FINALE DI SERIE VI ASPETTA GIOVEDÌ 15 FEBBRAIO ALLE 16:00

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Shares